Archive for category corsi ECM

»» scarica il programma
»» scarica la locandina

hph_02
XVII CONFERENZA NAZIONALE HPH
PROMOZIONE DELLA SALUTE PER BAMBINI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO
DIREZIONE FUNZIONI ASSISTENZIALI
Sezione Formazione ECM
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – Viale Ferdinando Baldelli, 38 – Roma

12 DICEMBRE 2016
La promozione della salute dei bambini e degli adolescenti.
Linee di intervento internazionali e nazionali
Moderano: Paolo CONTU e Giulio FORNERO

13 DICEMBRE 2016
Promozione di un ambiente child-friendly
Continuità della promozione della salute e cooperazione con altri
contesti/setting
(9.00 – 9.30 : Intervento del Dott. Luigi Maselli
Influenza dell’ambiente indoor e outdoor : Influenza dell’ambiente
relazionale e fisico sul percorso evolutivo di bambini e adolescenti
nei diversi contesti di vita e assistenza.
)

Moderano: Cristina AGUZZOLI e Giulio FORNERO

La salute intesa come risorsa per la crescita individuale e sociale rivolta a realizzare il pieno sviluppo del proprio potenziale umano comporta ovviamente una concomitanza di condizioni e di opportunità di sviluppo che investe la società nel suo complesso e particolarmente alcuni settori, fra i quali risaltano quelli dell’economia, della istruzione e della sanità.
I sistemi sanitari in particolare, per il loro mandato istituzionale e professionale, costituiscono punti di riferimento particolarmente autorevoli, a condizione che sappiano esprimere non solo le tradizionali competenze curative e riabilitative, ma anche capacità di ascolto e lettura delle problematiche meta-cliniche, di stimolo e supporto per lo sviluppo di capacità di autonomia e auto-realizzazione, di rafforzamento di quelle attitudini personali che riguardano la gestione del proprio stato di salute, di individuazione delle possibili risorse e supporti, a partire dal nucleo famigliare: si potrebbe dire, in sintesi, capacità di considerare non solo l’evoluzione dei fattori patogenici ma anche quella dei fattori salutogenici.

Ciò vale in particolare per le fasce di età infantile ed adolescenziale particolarmente ricche di potenziale da esprimere e sensibili a processi di apprendimento fra i quali l’assimilazione di conoscenze utili alla gestione della propria salute, l’adozione di comportamenti e stili di vita sani e responsabili, la acquisizione di atteggiamenti di resilienza, o se si preferisce di coping, contro episodi di malattia e contro le avversità della vita.

Va poi considerato che bambini ed adolescenti non costituiscono solo le generazioni prossime, alle quali quelle adulte manifestano naturalmente attenzioni e cure particolari in virtù della loro veste genitoriale, parentale o comunque di vicinanza empatica: esse rappresentano anche parte di quelle generazioni future verso le quali quelle attuali sono chiamate ad assumere precise responsabilità collettive di ordine etico, come sancito dalla Dichiarazione sulle responsabilità delle generazioni presenti verso le generazioni future (UNESCO, Parigi, 1997), in virtù di un senso di solidarietà che riguarda non solo il prossimo ma anche le generazioni future.

Gli ospedali ed i servizi sanitari per la promozione della salute, nel rivolgersi a bambini ed adolescenti, assolvono dunque – insieme ad altre istituzioni – una funzione sociale e culturale rappresentata non solo dal meritorio servizio verso la società contemporanea ma anche ispirata da valori universali intergenerazionali.

Read More

Mesagne (BR) – Sala Convegno del Castello 23 Settembre 2016
La partecipazione al corso è gratuita.
Il corso è rivolto a 150 partecipanti delle seguenti discipline. Medico chirurgo; farmacista; biologo; logopedista; podologo; tecnico sanitario laboratorio biomedico; tecnico sanitario di radiologia medica; terapista occupazionale; psicologo; fisico sanitario; ortottista/assistente di oftalmologia; assistente sanitario; infermiere pediatrico; tecnico della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare; tecnico ortopedico; odontoiatra; chimico; tecnico audiometrista; tecnico audioprotesista; fisioterapista; infermiere; terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva; dietista; educatore professionale; tecnico della riabilitazione psichiatrica; tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro; igienista dentale; ostetrica/o; tecnico di neurofisiopatologia.
Le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico e dovranno essere effettuate entro il 20 settembre 2016.
Al corso sono stati assegnati 6 crediti formativi ecm.
L’evento è stato accreditato nell’ambito del programma nazionale di Educazione Continua in Medicina (RES. N° 5129-167954).

Iscrizioni: fax +39 1782 73 21 93 – email: iscrizioni@sepas.it

»» scarica il programma

Negli anni le abitudini alimentari sono cambiate e la nostra popolazione, complici anche gli estenuanti ritmi di vita imposti dalla vita moderna, si è allontanata in maniera più o meno marcata dal salutare utilizzo della dieta mediterranea, ormai concordemente riconosciuta come la più equilibrata dal punto di vista nutrizionale.
Certamente l’aspettativa di vita è aumentata, con i conseguenti forti impegni economici per la sostenibilità del piano salute, e ciò ha reso indispensabile una revisione sistematica dell’utilizzazione delle risorse.

Risorse che, anche per Paesi cosiddetti ‘ricchi’, hanno subìto una forte flessione, per cui è fin troppo semplice giungere alla conclusione che solo attraverso una prevenzione efficace e l’acquisizione di corretti modelli di vita sarà in futuro, ma già dai giorni nostri, possibile raggiungere l’obiettivo che in modo globale sta a cuore a tutti: il mantenimento della salute.

Modificare gli stili di vita, agendo in primo luogo sull’esercizio fisico e le abitudini alimentari, può significare mettere in moto tutti quei meccanismi necessari alla prevenzione di patologie croniche quali quelle cardio-cerebro-vascolari (al primo posto come causa di mortalità), quelle metaboliche, le malattie osteo-articolari, alcune forme neoplastiche, etc.

La promozione della salute, attraverso la cultura della sana alimentazione, necessita dell’azione coordinata di diversi attori sociali, tra cui sicuramente il medico di medicina generale, che si trova ad operare nel sociale, ove sempre più stringente è il rapporto tra malattia ed errata alimentazione.

Il medico di famiglia, a continuo e diretto contatto con il paziente-consumatore, è il punto di riferimento privilegiato per una corretta ed efficace comunicazione.
Dette finalità devono derivare da un nuovo modello di collaborazione a forte impronta multidisciplinare che coinvolga tutti i professionisti della salute per una maggiore appropriatezza della presa in carico.

Incontriamoci pertanto per iniziare un nuovo cammino.

Read More
Una Convention mondiale di eccezione quella tenutasi oggi all’Università San Raffaele di Roma, protagonisti i presidenti delle società scientifiche internazionali di Lifestyle Medicine. Presenti con le loro relazioni il Magnifico Rettore Enrico Garaci a fare gli onori di casa, Walter Willett ed Edward Phillips dall’Università di Harvard, David Katz dall’Università di Yale, Liana Lianov dall’Università […]

12341460_449586475166141_2171351372621480153_n
Una Convention mondiale di eccezione quella tenutasi oggi all’Università San Raffaele di Roma, protagonisti i presidenti delle società scientifiche internazionali di Lifestyle Medicine. Presenti con le loro relazioni il Magnifico Rettore Enrico Garaci a fare gli onori di casa, Walter Willett ed Edward Phillips dall’Università di Harvard, David Katz dall’Università di Yale, Liana Lianov dall’Università della California di Davis tutti in rappresentanza dell’American College of Lifestyle Medicine, Garry Egger dell’Università della Southern Cross Australia in rappresentanza dell’Australasian Society of Lifestyle Medicine ed infine Aldo d’Alessandro dell’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara e Luigi Maselli dell’Università Sapienza di Roma in rappresentanza dell’Italian Lifestyle Medicine Association nonché della European Society of Lifestyle Medicine.
Un grande successo completato da una premiazione per 5 personaggi che si sono distinti nell’Anno 2015 nel campo della Medicina, tra cui proprio il Presidente della ILMA prof. Luigi Maselli.

Read More